Genova, 5 luglio ’03

L’iniziativa di marzo, “Donne tra culture diverse – esperienze e strategie”, ci ha impegnato per un’intera settimana in un percorso itinerante attraverso le biblioteche del ponente fino al Teatro di Voltri. 

Un percorso fatto insieme a donne provenienti da diversi paesi ma soprattutto dall’America Latina, con le quali abbiamo iniziato una relazione la cui premessa è stata l’impegno di continuare a produrre altre occasioni di incontro e di lavoro insieme.

Per questo motivo stiamo preparando un progetto di iniziative che potrebbe concretizzarsi ad Ottobre prossimo, in occasione dell’anniversario della scoperta delle Americhe e per il quale propongo di lavorare attorno ad alcune parole chiave:

Storia - Memoria, poiché in ottobre ricorre l’anniversario della scoperta delle Americhe, sarà più corretto proporre l’avvenimento dalla parte di chi ne ha subito le conseguenze, usando le parole più appropriate, ad esempio: invasione invece di scoperta, rapina e colonialismo al posto di civilizzazione ecc. ecc., con l’aiuto di esperti nativi in Storia del colonialismo.

Conoscenza - dialogo, due parole indispensabili che sono un dovere per tutti in una società multiculturale come la nostra, la parola globalizzazione può portare a convinzioni distorte, non esiste un villaggio globale come spesso si dice, piuttosto metropoli globali affollate di gente il più delle volte nervose, indifferenti senza nessun desiderio di conoscersi e relazionarsi, mentre l’essenza del villaggio è soprattutto vicinanza, condivisione di esistenza ed esperienza.

Genova è metafora di porta, una porta sul mare dalla quale entrare ed uscire ma anche accogliere ed ospitare, sarà interessante mettere a confronto l’esperienza di una/un emigrato genovese all’estero con una/un cittadino straniero che qui vive e lavora, le loro difficoltà ma anche le esperienze di solidarietà.

Ascolteremo dalla voce di donne che abitano o hanno abitato “luoghi difficili”, i saperi e le strategie messe in atto per vivere da protagoniste e affrontare la quotidianità,in paesi dove far politica,sindacato o semplicemente chiedere alcuni diritti ha ben altro significati che da noi, significa rischiare di essere uccise, essere escluse dalla vita di coppia o addirittura rifiutate dalle stesse famiglie.

Le informazioni dettagliate dell’iniziativa, saranno aggiornate in tempo reale.

Buone vacanze a tutte.

IDA DE PAOLI


Torna alla Homepage