L’Ost (Open Space Technology) è una metodologia di discussione collettiva che esclude contenuti preconfezionati: non esiste un programma di svolgimento dei lavori, ma poche semplici regole volte a stimolare la proposta dei temi del dibattito da parte delle partecipanti. Non possiamo quindi dirvi di cosa si parlerà perché sarete voi a deciderlo, in base ai vostri interessi e desideri. Possiamo però illustrarvi l’articolazione dello svolgimento dell’incontro, sottolinenado che il cuore della discussione sarà la giornata di sabato, mentre il giorno successivo si tireranno le somme e si delineerà un possibile percorso successivo.

Sabato 14 febbraio 2004

9,00-9,30
Si inizia a conoscersi e a prendere confidenza con lo spazio consumando insieme la colazione.

9,30-9,40
Il Comitato promotore espone una breve presentazione dell’esperienza dell’Ost, illustrando le finalità del progetto “Una città desiderabile” e il lavoro svolto finora.

9,40-10,10
Una introduzione ai lavori illustra i principi e le modalità di svolgimento dell’Ost.
Plenaria: partendo dalla domanda iniziale, si apre il “mercato dei temi”. Ognuna proporrà una propria risposta alla domanda, individuando così un tema di proprio interesse: in base all’adesione da parte delle donne presenti ai diversi temi di discussione si costituiranno dei gruppi di lavoro. Responsabile di ogni gruppo sarà la donna che ha proposto il relativo tema di discussione.
I gruppi formatisi si distribuiranno nelle salette predisposte per la discussione, facilmente accessibili e attrezzate con sedie e lavagne di carta: le sale sono separate per facilitare lo svolgimento dei lavori, ma non c’è nessun vincolo di scelta, si rimane in un gruppo finché interessa e si è libere di spostarsi da un luogo all’altro. Un tabellone collocato nella sala centrale riporterà temi e luoghi dei diversi gruppi di lavoro, costruendo mano a mano l’agenda della giornata.

10,10-11,20
Prima sessione: i gruppi di lavoro si riuniscono per distutere il tema prescelto.

11,20-11,35
Restituzione: alla fine della sessione la responsabile di ogni gruppo si reca nella sala computer per stendere un resoconto della discussione svolta. Le altre iniziano a prendere posto in vista della seduta plenaria.

11,35-12,05
Plenaria: si riapre il “mercato dei temi” per costituire nuovi gruppi o rilanciare quelli precedenti se la discussione non si è ancora esaurita.

12,05-13,15
Seconda sessione: i gruppi di lavoro si riuniscono per esplorare nuovi temi o proseguire nella trattazione di quelli precedenti.

13,15-13,30
Restituzione: alla fine della sessione la responsabile di ogni gruppo si reca nella sala computer per stendere un resoconto della discussione svolta. Le altre iniziano a prendere posto per il pranzo.

13,30-14,30
Pranzo
Ci si riunisce nuovamente nello spazio comune per consumare insieme il pranzo.

14,30-15,00
Plenaria: si riapre il “mercato dei temi” per costituire nuovi gruppi o rilanciare quelli precedenti se la discussione non si è ancora esaurita.

15,00-16,10
Terza sessione: i gruppi di lavoro si riuniscono per esplorare nuovi temi o proseguire nella trattazione di quelli precedenti.

16,10-16,25
Restituzione: alla fine della sessione la responsabile di ogni gruppo si reca nella sala computer per stendere un resoconto della discussione svolta. Le altre iniziano a prendere posto in vista della seduta plenaria.

16,25-17,00
Plenaria finale: a tutte le donne verranno distribuiti i report prodotti nel corso della giornata da ogni gruppo di lavoro. Ognuna tornerà a casa con un “istant book” che illustra lo svolgimento e i contenuti emersi dalla discussione complessiva.

17,00-18,00
Chiusura lavori


Domenica 15 febbraio 2004

9,00-9,30
Ci si ritrova consumando insieme la colazione

9,30-12,30
Si organizzano dei Focus groups sui temi emersi il giorno precedente. Attraverso l’aiuto di facilitatrici, si riprendono i temi emersi per “rimacinarli” e poi elaborare una relazione articolata.