Heather

Egocentrismo, loquacità, dipendenza affettiva

Per coloro che sono sempre alla ricerca di qualcuno che possa tenere loro compagnia, perché hanno bisogno di parlare dei loro affari con gli altri, qualunque possa essere l’argomento. Sono molto infelici quando restano soli per un certo tempo.

Benchè queste caratteristiche possano ritrovarsi in uno stato mentale temporaneo, allorquando l’individuo consideri i suoi problemi estremamente difficili da risolvere e cerchi così l’aiuto altrui, solitamente si riscontra in forma cronica e produce un tipo di personalità che potrebbe definirsi “il bambino bisognoso”.  Infatti,   la persona soffre di una tale carenza affettiva da aver ha bisogno di essere sempre al centro dell’attenzione: parla di se stessa continuamente e solo di ciò che la riguarda,  cerca interlocutori indiscriminatamente, opprimendoli  con le proprie esperienze e non lasciando loro spazio; in realtà si attacca agli altri perché non tollera la solitudine, ma di solito ottiene l’effetto contrario, ossia che gli altri la sfuggono.  Sovente la sua loquacità è associata alla smodata assunzione di cibo, per riempire i vuoti che avverte interiormente, così come sono riconducibili alla necessità di attirare l’attenzione certi stati ipocondriaci.

Il rimedio consente di trasformare l’individuo in un adulto comprensivo, in un interlocutore interessato ai problemi altrui, che irradia forza e fiducia.